“Le danzatrici” di Matisse una grande suggestione

La partecipazione è la danzatrice che chiude il cerchio, che completa il cerchio con la rappresentanza e la responsabilità. In questo modo i problemi in-soluti trovano soluzione. Non c’è più un soggetto infallibile ma una “danza” di soggetti. Così la politica da luogo del male diventa luogo della felicità possibile.

Non possiamo continuare a pensare ad una figura singola, ma ad un corpo, a tanti insieme… come… Corsivo 2.0: la danza di Matisse.